domenica 13 gennaio 2013

Avicoltura - Come inizierà il 2013 per i nostri polli?

Splendida Polverara nera al pascolo. Foto Andrea Mangoni.


L'anno nuovo è iniziato. Speravo, francamente, che fosse un po' più propizio. Al momento invece pare che si prospetti un anno più complesso del previsto.

Perché? E' presto detto: ho già spiegato in altra occasione come sia importante partire a incubare presto, nel corso dell'anno, per ottenere ottimi riprodutori di grande taglia, specie nelle razze un po' difficili come le Polverara e le Boffe. Purtroppo,quest'anno, non mi sarà possibile iniziare a incubare seriamente le uova prima della fine di febbraio, forse di marzo, perdendo così parte dei mesi più propizi. Il motivo è presto detto: nei mesi scorsi siamo stati invasi
dai ratti. Ovunque, a qualunque ora del giorno e della notte, le piccole belve uscivano per nutrirsi a scapito dei polli. Inoltre non si limitavano a rubare il mangime, ma arrivavano anche a uccidere e divorare diversi animali. Così sono stato costretto a riunire tutti i polli in due recinti principali, in barba alle differenti razze e linee di sangue, e a iniziare la derattizzazione. 

Gruppo di riproduttori di Polverara al pascolo. Foto Andrea Mangoni.

Terminata questa, vista l'occasione, inizieremo a sistemare i nuovi ricoveri notturni e a disinfestare i vecchi dai parassiti come acari e pidocchi pollini. E una volta finito questo, visto che il seme dei galli sopravvive anche tre settimane nel corpo delle galline, dovremo attendere almeno una ventina di giorni prima di avere uova feconde pure da ciascuna razza o linea di sangue. 

Polverara al pascolo. Foto Andrea Mangoni.

 Come potrete immaginare, quindi, se da un lato verranno messe in essere diverse opere che erano da tempo necessarie,dall'altro potrebbe comportare un lungo periodo di stasi nelle incubate e nelle riproduzioni. Ma a questo punto prenderemo le cose con filosofia, attenderemo i momenti più propizi e magari torneremo a fare delle incubate naturali con le chiocce, in primavera o estate, fornendo alle nostre galline tutte le attenzioni dovute. Attenderemo poi l'anno prossimo per vedere sviluppati al meglio gli animali. Sarà un anno lungo, quindi, in cui sarà difficile vedere dei buoni risultati presto. Pazienza, attenderemo e affronteremo anche i periodi più difficili traendo forza dalla nostra passione. 

Danze di corteggiamento tra Polverara. Foto Andrea Mangoni.

Niente pulcini, per ora quindi? Beh... non esattamente. In effetti da una settimana le incubatrici hanno iniziato a funzionare: un amico mi ha fatto dono di alcune uova, tra cui una decina di quelle strane Polverara mottled di cui vi ho parlato tempo fa. Tra un paio di settimane quindi sentiremo qualche pigolio interessante, e nel frattempo testerò per voi la nuova incubatrice Real 12 automatica della Borotto, che ho appena ricevuto e che sembra essere un'ottima macchina (a breve anche una videorecensione). In mezzo c'è anche un ovetto della migliore delle mie Polverara, la bella pollastra che vedete nella foto di apertura. Così la tradizione non si interromperà. Vi lascio con le foto di lei e delle sue parenti assieme a Pippo, il vecchio gallo bianco, mentre pascolano beata nel prato al tramonto. Happy chicken to everyone!

***** 
E' USCITO "IL POLLAIO PER TUTTI", IL NUOVO LIBRO DI ANDREA MANGONI!
Il pollaio per tutti, Andrea Mangoni, Vallardi Editore
*****
ALTRE LETTURE INTERESSANTI

 .  . 
 .  . 

Nessun commento: