domenica 9 agosto 2009

Appunti di Avicoltura: cosa fare quando una gallina diventa chioccia.


Un bellissimo pulcino. Foto di Andrea mangoni.



La riproduzione è sempre il momento più alto dell'allevamento: la nascita di una nuova generazione, nuove e meravigliose vite che verranno ad arricchire il nostro pollaio (e anche a farci dannare un po'!), insomma nuove speranze e nuovi progetti da fare.

Ho già avuto modo di parlare della schiusa artificiale, ma tanti mi hanno scritto per parlare di questo o di quell'aspetto legato all'incubazione naturale delle uova, quelli, insomma, legati alla cara, vecchia chioccia... Così ho deciso di scrivere qualche riga a proposito.

Innanzitutto, una delle domande che mi viene fatta più di frequente è la seguente: come posso indurre una gallina a diventare chioccia?? Ebbene, la risposta è purtroppo abbastanza netta: non si dovrebbe mai cercare di indurre forzatamente una gallina a diventare chioccia. In passato, spesso le contadine avevano necessità estrema di poter avere dei pulcini, ed erano state sviluppate alcune tecniche particolari proprio per riuscire a indurre una gallina alla cova; ciononostante, le galline dei nostri nonni spesso erano galline autoctone, che già presentavano in qualche misura l'istinto alla cova, istinto che trae la sua origine da una ben definita componente del patrimonio genetico dell'animale; così avremo razze con una maggiore propensione alla cova e razze invece che ne sono quasi prive. Ad esempio, le galline di razza Cocincina, o i tanti ibridi nani noti come "americanine" o "mugellesi" hanno di solito una fortissima propensione alla cova, tanto che a volte iniziano ad incubare le uova dopo averne deposte appena 7 o 8; le odierne ovaiole, invece, sono state selezionate per decenni proprio allo scopo di eliminare qualsivoglia traccia di tale istinto, per cui sarà assolutamente inutile provare a convincere una Livornese da capannone a covare: non lo farà! C'è un'altra cosa da aggiungere, molto importante: la cova è un momento difficile ed estremamente impegnativo per qualunque gallina: solo un animale in perfette condizioni fisiche cercherà di covare. Per questo, indurre artificialmente la cova in una gallina non pronta potrebbe significare un grave rischio per la sua salute, senza contare che alcuni di questi metodi erano estremamente cruenti o quanto meno debilitanti per gli animali che vi erano sottoposti!

Ok, ora abbiamo allora capito che dovremo procurarci preferibilmente almeno una gallina appartenente ad una razza che ha conservato l'istinto alla cova. Quindi, quando essa avrà iniziato a deporre, inizieremo anche noi a raccogliere le uova degli esemplari che ci interessano, per potergliele mettere sotto nel momento in cui inizierà a covare. Non eccedete mai oltre le 12-14 uova da destinare a ciascuna chioccia: tenete conto che la povera gallina ha dei limiti fisici!! Le uova vanno conservate in un ambiente fresco, con la punta verso il basso, per un massimo di 15-18 giorni; poi vanno destinate alla mensa (vostra o dei vostri animali).

Altro dubbio che spesso viene posto è il seguente: devo isolare la chioccia dalle altre galline, quando inizia a covare? In effetti, sarebbe meglio (soprattutto in caso di galli molto esuberanti) che la nostra chioccia potesse trovarsi in un ambiente adatto, per portare a termine con successo la propria covata e non essere disturbata eccessivamente. Il posto prescelto dovrebbe essere in penombra, in maniera da dare tranquillità alla futura mamma; inoltre occorre pensare da subito a qualche tipo di recinzione per isolarla dagli altri animali.

. .

Un'altra domanda frequentissima che mi viene posta è questa: come posso spostare una chioccia e cambiarla di nido? In effetti, spesso capita che i polli depongano in posti scomodi, "pericolosi" o anche solo in nidi non sicuri. In questi casi è necessario spostare la futura mamma, tenendo però conto di alcune importanti indicazioni di base. Il nuovo nido dovrà essere ben riparato e sarà costituito preferibilmente da una cassettina od una cesta dai lati alti circa 10-15 cm (ottime tante cestine per la frutta), e foderato all'interno con un buon substrato morbido ed accogliente. Per la mia esperienza personale, il substrato migliore si è rivelato finora il truciolo depolverato usato come lettiera per gli animali: oltre ad essere molto igienico e a trattenere l'umidità, è anche piuttosto economico ed utilizzabile in seguito come lettiera per i pulcini. Inoltre, potete provare a mescolare del tabacco in polvere al truciolo, in quanto la nicotina in esso contenuta può fungere da insetticida naturale nei confronti dei tanti parassiti esterni della gallina stessa. A questo proposito non posso fare a meno di raccomandarvi di controllare molto bene la vostra chioccia e di verificare che lei o la lettiera non ospitino un numero eccessivo di ectoparassiti (pidocchi pollini, acari, ecc...): viste le condizioni di immobilità della futura mamma, potrebbero moltiplicarsi fino ad indebolirla seriamente se non addirittura ad ucciderla. Attenzione in particolar modo agli acari ematofagi, che vivono nel substrato ed escono solo di notte per succhiare il sangue: non avete idea di quanto possa esser brutto andare in pollaio una mattina e trovarvi dentro una chioccia morta dissanguata sopra le uova!


Tornando a noi, una volta preparato il nido giunge finalmente il momento di spostare la chioccia. Questa operazione va effettuata sempre DI NOTTE: la gallina, infatti, se spostata di giorno potrebbe stressarsi eccessivamente e decidere di abbandonare la covata. Procedete invece così: andate dalla chioccia di notte, prelevate alcune delle sue uova ben calde e mettetele nel nuovo nido, quindi prendete la gallina e fate altrettanto. Il buio ed il calore delle uova sotto di lei la tranquillizzeranno, e le sembrerà di non essersi mossa. Quindi mettetele sotto anche le restanti uova. Al mattino, con la luce del sole, si sarà quasi certamente già abituata alla nuova sistemazione e difficilmente abbandonerà la cova. Con questo sistema ho spostato nell'ultimo anno 5 chiocce, di cui due tacchine, senza problemi di sorta.


Soprattutto nei primi giorni di cova, assicuratevi che la gallina beva e mangi. L'ideale sarebbe mettere cibo ed acqua in contenitori bassi davanti al nido, e distanti circa 30-50 cm da esso, in maniera che essa debba uscire dal nido stesso per nutrirsi: in questo modo una volta alzatasi ne approfitterà per defecare al di fuori, mantenendo pulito il substrato. Se non dovesse nutrirsi da sola, ogni due giorni provate a sollevarla delicatamente e a posarla davanti al cibo fuori dal nido.


Ed ora arriviamo al momento forse più delicato: la nascita dei pulcini. Delicato perchè i piccoli rappresentano una preda ambita per i roditori come i ratti e per altri predatori. Per questo, di solito, io trasferisco la chioccia (uno o due giorni prima della nascita), in una gabbia, assieme a tutto il nido. La gabbia dev'essere abbastanza grande da permettere alla gallina di muoversi, di alzarsi in piedi e di allontanarsi dal nido; diciamo che per le razze medio-piccole può andar bene una gabbia di un metro per sessanta centimetri di base, e 50-60 cm d'altezza. La gabbia dovrà essere ovviamente fatta con rete a maglie fine, di circa 1/2 cm, e con un'ottima chiusura. La chioccia potrà restare nella gabbia coi pulcini per il primo mese, quindi verrà allontanata e tornerà con le altre galline; i pulcini rimarranno in gabbia invece fino ai 2 - 3 mesi, fino a quando cioè potranno essere in grado di difendersi abbastanza bene o di scappare efficacemente. Se pensate che sia un pò troppo esagerato, credetemi: non avete idea di quello che puà fare un ratto. Giusto stamattina ho trovato una giovane Polverara, la migliore della prima covata di quest'anno, uccisa dai ratti; e giusto un anno fa i ratti avevano ucciso anche suo nonno, Leonida. Per cui, massima attenzione ai predatori!!


A volte invece ci si può trovare ad avere bisogno di una buona balia, cioè di una gallina che si prenda cura di alcuni pulcini (nati ad esempio in incubatrice). In tal caso una chioccia è una manna da cielo: si può aspettare che comincino a nascere i suoi pulcini, quindi aggiungerle (sempre di sera) qualche "figlio adottivo", mettendoglielo sotto ed inserendolo dalla parte della... coda della gallina. O ancora, se non si puà aspettare, si potranno aggiungere i pulcini di notte togliendo nel contempo le uova: spesso una chioccia accetterà di diventare mamma anche solo pochi giorni dall'inizio della cova. Resta il perciolo che la chioccia comunque non riconosca i piccoli come suoi, o che semplicemente li rifiuti: in questo caso potrebbe anche ucciderli. Un tempo si usava cucire in maniera particolare le palpebre delle chiocce per evitare che questo accadesse, ora, lontani da questi metodi barbari, l'unico consiglio valido è quello di sorvegliare attentamente ciò che accade e di allevare artificialmente, se necessario, i piccoli., rinunciando così alla balia.


Da ultimo, in questa discussione sulle chiocce... c'è chi ha il problema inverso: una gallina che cova quando non dovrebbe o non vorremmo. Le opzioni possibili sono diverse: disturbarla spesso, metterla con le zampe a mollo in acqua fredda, ecc... In alternativa, prendete al più vicino mercato un pulcinotto, il più piccolo possibile, metteteglielo sotto di notte... e lasciatele fare la mamma per un po'!


Ecco, con questo credo di aver detto tutto. Se avete suggerimenti, informazioni o altro, i commenti sono qui sotto!


*****

E' USCITO "IL POLLAIO PER TUTTI", IL NUOVO LIBRO DI ANDREA MANGONI!


ALTRE LETTURE INTERESSANTI:

 .  . 
 .  . 

*****
Una chioccia coi suoi pulcini. Foto di Andrea Mangoni.

239 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 239 di 239
Andrea Mangoni ha detto...

sì, si sono presi gioco di te. predire il sesso di un pollo dall'uovo è impossibile. hai il 50% di possibilità che sia un gallo. oltretutto... be' 3€ a uovo sarebbero parecchi. che razza sarebbe? togli una chioccia e lascia solo la più esperta, se vuoi sperare di vedere qualcosa. ciao!

luca ha detto...

possiedo una rossa da uovo che è diventata chioccia senza avere il gallo nel pollaio. Allora ho preso delle uova fecondate da un contadino li vicino e la gallina ha iniziato a covarle. in seguito ho visto che le uova si riducevano di numero, quasi sicuramente a causa dei topi. Alchè ho spostato la gallina in una zona isolata però essendo restate solamente 3 uova ho deciso di andare a prenderne altre circa 10 giorni dopo. ora il mio dubbio è: una volta nati i pulcini della prima nidiata poi la gallina smette di covare le altre uova o continua??

Andrea Mangoni ha detto...

smette, ovviamente deve fare da "mamma" ai primi nati e questi dopo un giorno o due inizieranno ad allontanarsi dal nido. quello che puoi fare è prendere i piccoli non appena nascono, allevarli a parte con lampadin a riscaldante per una decina di giorni e quindi dopo un giorno che sono nati gli altri potrai rimetterli sotto la chioccia, di notte.

Anonimo ha detto...

anonimo il tuo spost no si capiscce
quasi nulla,i pulcini apenanati pekhe' dovvrebero morire? ciao

Anonimo ha detto...

ciao andrea mi chiamo loris e ti scrivo dalla provincia di pistoia , mi sono dovuto improvvisare contadino dopo la morte precoce di mio padre e avrei bisogno di qualche consiglio, ho comperato una gallina nana (credo si chiami pucellese?)con relativo galletto, avevo gia una dozzina di altre gallina piu grosse,e relativo gallo imponente, la gallina piccola ha cominciato a covare due settimana dopo averla comperata quindi ho deciso di metterle le uova 7/8 di cui uno solo dei suoi gli altri li avevo gia portati a casa in frigo non pensndo che potesse gia covare.
poi avendo anche l'incubatrice ho deciso di provare anche quella facendola partire 4 giorni dopo che la chioccia aveva cominciato la sua cova adesso siamo a 23 giorni di cova della chioccia e 19 dell'incubatrice, che dici non verrà niente?
nel nido della chioccia ho visto un guscio dell'uovo ma non ho mai alzato la chioccia , nei primi giorni avevo notato che la chioccia era a mangiare piu volte al giorno non vorrei che le avesse fatte freddare troppo, non sono stato li a guardare i minuti che si assentava dal nido, per l'incubatrice invece prima di farla partire con le uova ho controllato i gradi che faceva ed erano 37,5 poi ogni giorno ho girato le uova e messo acqua. cosa mi consigli di fare ad oggi ? grazie mille per i tuoi preziosi consigli che ho letto.

debora mastrolorito ha detto...

Buongiorno vorrei un'informazione. ho un gallo rosso e una gallina ovaiola. Da quanto letto è raro che questa specie di gallina cova. ma come fare se le uova sono fecondate e lei non vuole covarle??? a che temperatura dovrebbero stare? per quanto tempo? quanto costa un incubatrice???

Andrea Mangoni ha detto...

@Debora: se la gallina non vuole covare devi procurarti un'incubatrice, il costo varia a seconda del modello (e dello stato - nuovo, usato, eccetera)ma si parte dai 100€ in su, di norma. su ebay puoi trovarle anche a meno. l'incubazione dura 21 giorni e le uova vanno mantenute a 37.7°C.
@Loris, probabilmente ti hanno dato una Mugellese, nome con cui in Toscana si deisgnano le gallinelle nane - spesso ibride - particolarmente adatte alla cova. dopo 24 giorni di cova di solito non nasce più nulla, sei sicura che fosse stata fecondata? la temperatura delle uova sarebbe troppo bassa, sarebbe corretto che stessero a 37,7°C. una volta nati i pulcini cercherei di farli adottare dalla chioccia mettendoglieli sotto di notte, mentre dorme. temo però che le uova in frigorifero possano esser state esposte a una temperatura troppo bassa per poter essere ancora vitali.

Anonimo ha detto...

lasciale covare finoa che non schiudano tutte. ciao

Laura Benelli ha detto...

Ciao Andrea,
ieri per la prima volta ci è nato un pulcino. sotto La chioccia ci saranno ancora una decina di uova che lei ancora cova....stamattina l'abbiamo spostata in un pollaino isolato dalle altre galline e dal gallo. abbiamo provveduto a metterle da mangiare e da bere. per il piccolo abbiamo comprato mangime x pulcini, è giusto?possono mangiare subito?Poi ci hanno consigliato di mettere una ciotolina d'acqua con ghiaino affinché si pulisca il becco, è vero?
La chioccia adesso continua a covare le altre uova...quanto dobbiamo aspettare prima che nascano anche gli altri?Poi gli togliamo le uova?Quando posso liberarla x farla scorrazzare un po'?Io le galline le tengo libere durante il giorno e le chiudo alla sera di solito.Il pulcino ho letto che lo faresti uscire dopo un paio di mesi, giusto?
Grazie,
Laura

Igor Nurra ha detto...

ciao

Igor Nurra ha detto...

ciao Andrea posso chiedere informazione??

Andrea Mangoni ha detto...

certo, chiedi pure!

Anonimo ha detto...

aaaaaaaaaaaaaa sssssssssssss dddddddddddddddd

Anonimo ha detto...

ciao
ho piantato favette nel terreno e quello lontano dal pollaio stanno crescendo,mentre quelle dove razzolano le galline,molti germogli sono spezzati o neppure nati.
E' colpa delle galline che hanno pestato/mangiato il germoglio(non le ho viste beccando i germogli) grazie
claudiomarco

Andrea Mangoni ha detto...

mi spiace moltissimo del ritardo nella mia risposta.
sì, le galline non sono compatibili con l'orto. razzolano e spezzano giovani germogli, quando non li mangiano direttamente.

gaetano fazio ha detto...

salve volevo chiedere un'informazione...avevo delle galline domestiche...le tenevo come esseri umani...nel giro di pochi mesi mi sono morte....prima di morire cominciavano a mangiare poco e poche ore prima di morire muovevano entrambe il collo da destra a sinistra ritmicamente...cosa puo essere?

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea innanzitutto complimenti bella pagina poi volevo choederti se mi sapresti dire come mai o acquistato una coppia di cocincina nana da un mese e fino adesso à deposto solo 3 uova in un mese non è strano? Spero puoi aiutarmi ciao

Lella ha detto...

Ciao
ho 9 galline ovaiole che fanno uova già da vari mesi. Da due giorni una ha cominciato a covare le uova di tutte. Ho provato a mettere un altro cestino ma tutte fanno le uova in quello abituale e alla sera devo spostare la chiccia per prenderle. Io non ho un gallo quindi è inutile che le lasci a covare. Può dare fastidio alla chioccia questa situazione? Devo fare qualcosa?
grazie mille
Lella

Simo77 ha detto...

Ciao. Il tuo blog è molto interessante e utile! Mi chiamo Simona. Sono nuova all'allevamento delle galline. La mia chioccia nana ha covato 6 uova, alla nascita dei primi 5 pulcini ha tralasciato di covare l'ultimo uovo, che non si schiudeva. Me ne sono subito accorta quindi ho aiutato il pulcino, un piccolo nanino, ad uscire e l'ho portato a casa facendolo stare al caldo e dopo 1 giorno dandogli acqua e da mangiare. Dopo 4 giorni cammina, pigola come un matto quando mi allontano, pizza da solo (soprattutto roba morbida però, tipo pane banato con acqua, pastoncino e semolino impastati con acqua...).....è il caso di metterlo nella gabbia con la chioccia e i fratellini? Altrimenti cosa suggerisci di fare? Lo metto in gabbietta a parte?...ti ringrazio di ogni suggerimento che vorrai darmi.

Mara Cesarotto ha detto...

ciao Andrea ti volevo chiedere,se e possibile che una chioccia uccida uno dei suoi pulcini? purtroppo ne ho trovato uno morto.E purtrpo penso sia stata lei..:(

Andrea Mangoni ha detto...

mi spiace rispondere solo ora ma problemi personali mi hanno tenuto lontano dal blog per mesi.
@anonimo: difficile dirlo: potrebbe essere una femmina vecchia, o forse l'alimentazione non è la più appropriata. prova ad aumentare il tasso di proteine, anche animali, nella dieta. c'è anche da dire che ceppi di razze pure molto inincrociati vanno incontro a una riduzione della fertilità.
@Lella: ti consiglio in questi casi di schiocciare la gallina, mettendola in una gabbia appesa con fondo in rete per qualche giorno, oppure tentando la via del bagno in aqcua fredda per qualche minuto. Potrebbe essere sufficiente.
@Simo: puoi provare a reinserirlo di notte, posizionandolo sotto la chioccia da dietro assieme ai fratellini. dovrebbe essere accettato al pari degli altri, ma controlla perché c'è sempre il rischio di rifiuto e uccisioni.
@Lara: sì, purtroppo succede... e non è nemmeno raro. capita per errore, se lo calpesta per sbaglio, o volontariamente, se lo crede figlio di un'altra gallina e lo elimina a beccate.
ciao!

Anonimo ha detto...

Ciao io ho 5 galline bianche di statura media ma non so che razza siano.Le mie galline hanno già fatto più di 20 uova e nessuna non è ancora diventata chioccia, cosa posso fare per abituarle a covare? Grazie.

Andrea Mangoni ha detto...

ciao,
non è detto che una gallina abbia l'istinto alla cova! Molte delle ovaiole che trovi in commercio ad esempio sono state selezionate proprio per eliminare questo istinto. a parte provare a lasciare le uova nel nido, non ti consiglio di fare altro ma piuttosto di recuperare qualche gallinella nana con istinto alla cova, ammesso ovviamente che ci sia un gallo nei paraggi...

Simo77 ha detto...

Ciao. Grazie del consiglio, inserimento perfettamente riuscito....il pulcino cresce...è un pochino più piccolo degli altri ma vispo e mangione. Sono contenta!

Filippo Dell'Angela ha detto...

Scusa Andrea io è da tre mesi che a mia nonna hanno regalato una chioccia con 9 pulcini uno purtroppo lo anno attacato i roditori ma gli altri ormai sono già grandi io adesso la chioccia più volte va nella cesta e li cova e oggi ne ha fatto uno non è poi se me andata io lo vista solo una volta nella cesta r poiché visto che veniva fuori dalla cassetta e ho visto un bell'uovo bianco lo tengo nella cesta?? Non so che fare e poi la chioccia e con le galline la separa?? E un altra cosa v abete una lampadina da 42watt?? Grazie e...scusa per il ritardo e il disturbo e cmq bella la recensione della borotto real 12 😀 per me sei un mito che anche tu ami le galline come me !

alice allemani ha detto...

Buonasera, ho una domanda da farle... ho una gallina americana ed un galletto (suo marito). Non trovavo più la gallina da circa 15 / 20 giorni e mi sono accorta dopo quel tempo che era in una siepe, con 15 uova in un buco... lei si era assentata qualche minuto per andare a mangiare, le uova erano calde... Allora ingenuamente ho raccolto le uova e le ho portale nel nido di paglia del pollaio... Questo tre giorni fa... da allora la gallina ha smesso di covare le uova come prima... va solo un paio d'ore al mattino... oggi sono andata a toccare le uova ed erano freddissime... le ho prese e messe in casa con una borsa dell'acqua calda e una vecchia maglia di lana... non sapevo se ci fossero dei pulcini e tantomeno se fossero ancora vivi quindi ne ho rotto uno... c'era un pulcino formato a metà all'interno e non si muoveva... vorrei sapere se c'è una possibilità che i pulcini si salvino ancora tenendoli al caldo o cosa devo fare... grazie in anticipo per la risposta.

Andrea Mangoni ha detto...

Ciao, perdonatemi la tardiva risposta ma quest'ultimo anno si sta rivelando particolarmente difficile per me e la mia famiglia.

@Filippo: se non ho capito male avevi una chioccia che aveva ricominciato a deporre... in genere sì, si lasciano le uova nel nido fino a che non inizia a covare. meglio anche separare la chioccia dalle altre galline. La lampadina... per cosa? Per il riscaldamento dei pulcini? Non occorre il wattaggio, basta che produca sufficiente calore per dare ai piccoli la temperatura di cui hanno bisogno.
@Alice: purtroppo la situazione oramai si sarà risolta - in un modo o nell'altro. In generale MAI spostare le uova da un nido, se lo si deve fare lo si fa di notte spostando anche la chioccia, altrimenti quest'ultima generalmente smetterà di covare. Spero che la prossima volta vada meglio. Sono desolato.

Adele Migliozzi ha detto...

Salve Andrea! Mi sono imbattuta nel suo post facendo una ricerca. Sto redigendo un vocabolario di termini del dialetto del mio paesello e ho appena scoperto grazie a mia mamma il termine 'sboccà' x intendere il momento in cui la chioccia smette di essere chioccia diciamo, gradualmente lascia i piccoli. Mamma dice che per velocizzare si usava fare bagni freddi alle galline. Mi chiedevo, esiste un termine corrispondente in italiano? Se no, mi aiuta a capire meglio come avviene questa fase in modo da poter definire meglio il significato del lemma? Grazie infinite! Adele

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Adele, il termine in italiano dovrebbe essere "schiocciare"; deriva credo dal toscano ma è comunemente usato in tutta Italia.
A presto!

Filippo ha detto...

Buona sera volevo sapere sulla gravidanza isterica. ..ho due galline e basta una delle due ha iniziato a covare senza un gallo. .come devo comportarmi? Ma nascono lo stesso pulcini? ? Grazie

Andrea Mangoni ha detto...

ciao Filippo, non si parla di "gravidanza isterica" nei polli, per il semplice fatto che la gravidanza vera e propria è di norma appannaggio dei mammiferi! Comunque sia la tua gallina sta solo dando fondo al suo istinto alla cova. Ovviamente non avendo gallo non nascerà nulla. per farla smettere di covare puoi tenerla in gabbia per qualche giorno, sollevata da terra, oppure mantenerla lontana dal nido e dall'usuale pollaio per un po'.

tonia ha detto...

buongiorno andrea,ho una chioccia che cova da 8 giorni, il problema e che ha fatto raffreddare le uova il 3 giorno e poi si e rimessa a covare le stesse uova.che dici usciranno i pulcini oppure sono perse? grazie.

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, ti conviene fare la speratura e verificare se gli embrioni sono vivi!

giulia.lab ha detto...

buonasera volevo un consiglio dopo aver letto molti siti su internet, volevo ricevere qualche consiglio da parte vostra., ho una gallina ovaiola che da circa 2 giorni da se mi è diventata chioccia ( strano perchè da quello che ho letto le galline ovaiole non sono ritenute delle buone chiocce) ha circa 1 anno e volevo chiedervi se è il caso di mettere a cova 12 uova però ho molta paura che non porti a termine la cova e che quindi non mi nascano i pulcini anche pke sono molto inesperta ho solo un piccolo pollaio familiare e questa è la sua prima cova. potete aiutarmi?
ah volevo anche chiedervi siccome ho letto che la chioccia mentre cova andrebbe separata dalle altre galline potrei evitare io o rischio che smetta di covare anche perche oggi ho visto che un altra mia gallina si era messa sopra di lei per fare l'uovo anche se aveva un altro cesto a sua disposizione
comunque io ho 4 galline ovaiole di cui 1 in cova e un gallo mugellese.
spero di ricevere molte risposte e vi ringrazio in anticipo

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, è impossibile predire se una cova andrà bene o no, e non ci sono ricette "magiche". i miei consigli sono questi:
-metti meno uova. Una gallina poco esperta è bene abbia un numero di uova abbastanza basso, per evitare che ne lasci fuori involontariamente alcune a rotazione. Io non andrei oltre le 7-8 uova.
-isolala. se devi spostarla, fallo di notte. Altrimenti prova a costruirle attorno un piccolo recinto coperto anche sopra in modo che le altre galline non possano disturbarla. nel recinto metti due ciotoline, una col cibo e l'altra con l'acqua.
- quando nasceranno i pulcini, provvedi a trasferire loro e la chioccia in un recinto a parte o in una grossa gabbia. non è il caso di lasciarli con gli altri adulti.
buona fortuna!

giulia.lab ha detto...

ciao volevo un altra informazione oggi come ogni giorno sono andata a mettere fuori la gallina per farla mangiare e tutto (anche perchè lei da sola non si allontana mai dalle uova) pero oggi sono andata a mangiare e ho coperto le uova con un panno di cotone, poi mi sono completamente dimenticata che la gallina era fuori e ora quando sono andata per fortuna era nel cesto ma le uova erano coperte e una per sbaglio era rimasta fuori dalla chioccia, ho provato a sentirla con la mano e mi sembrava ghiaccia secondo te dopo 5 giorni di cova è rimasta 3 ore coperta solo da un panno di cotone ha ancora una possibilita di nascere un pulcino?
grazie

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, con le temperature di questi giorni credo di sì, l'assenza della chioccia non dovrebbe aver causato per forza di cose la morte degli embrioni.

Vincenzo Grosso ha detto...

Buongiorno, premetto che ho un pollaio con sei galline e senza di un gallo.
Un bel giorno circa dieci giorni fa, vedo che una delle dette galline credo sia della specie "Livornese", smette di covare uova e rimane giorno e notte a covare nella cesta alzandosi periodicamente ad alimentarsi.
La mia domanda è : posso mettergli sotto delle uova fecondate di un'altro pollaio dopo dieci giorni che cominciò a covare ? O è troppo tardi ?
Ringrazio anticipatamente per il suo tempo prezioso che spenderà al il mio interesse.

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, puoi provare. Non è detto che la gallina in questo caso porti davvero a termine la cova... ma un tentativo va fatto di sicuro.

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 239 di 239   Nuovi› Più recenti»