lunedì 29 luglio 2013

Orto Antico - Come effettuare l'impollinazione manuale del mais.

Due pannocchie di mais Biancoperla. Foto Andrea Mangoni.

Tutti sappiamo che il nostro Paese è uno scrigno di biodiversità agronomica, e che esistevano - ed esistono ancora! - numerose varietà di mais differenti. Chiunque si trovi a voler coltivare queste vecchie varietà, si trova ad affrontare il problema di proteggerle dall'ibridazione coi mais commerciali, di norma ibridi. Come fare allora? In questo video vediamo insieme come effettuare l'impollinazione manuale del mais. 



Il mais è una pianta anemofila, ovverosia è il vento ad effettuare l'impollinazione, anche a chilometri di distanza. Per essere sicuri di ottenere la riproduzione in purezza di una certa varietà, o per cercare di ottenere particolari incroci, l'impollinazione manuale è la via più sicura da seguire.
Per effettuare l'impollinazione manuale occorre procurarsi un certo numero di sacchetti di carta di
adeguate dimensioni, bianchi e marroni. I marroni li useremo per coprire le infiorescenze maschili, poste all'apice della pianta, e quelli bianchi per quelle femminili, che spuntano dal tronco.

Di sera, copriamo l'infiorescenza maschile con un sacchetto di carta marrone, ripiegandolo poi sul fondo in modo che raccolga e conservi il polline rilasciato. Nel contempo con un sacchetto di carta bianca copriamo la spiga della pianta quando le barbe o stili devono ancora emergere. Se ve ne fossero già alcune fuori, eliminatele assieme alla parte terminale della spiga stessa.
Il mattino dopo scuotete dolcemente l'infiorescenza maschile dopo aver piegato un po' il fusto, per far cadere parte del polline nel sacchetto; quindi estraete il fiore, togliete il sacchetto bianco dalla spiga femminile e inserite rapidamente sopra di essa il sacchetto marrone contenente il polline; chiudete il sacchetto bene alla base e scuotetelo in maniera da far sì che le barbe o stili vengano fecondate dal polline contenuto nel sacchetto. Lasciate quindi il sacchetto a protezione delle infiorescenze femminili per diversi giorni, fino a che non continua la produzione di polline da parte delle infiorescenze maschili. Se tutto sarà andato bene, a fine stagione avrete le pannocchie che avevate desiderato, nella loro purezza varietale.
A presto e buona coltivazione!
*****
DA LEGGERE

. .
. .



3 commenti:

Hilda ha detto...

Certo, non un lavoretto veloce eh..

Ho conosciuto un ragazzo che mi deve dare una varietà nera antica...l'anno prossimo proverò.

Alla faccia di quelli che dicono che con il MON810 non c'è pericolo di ibridazione!

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, in bocca al lupo con la selezione della tua varietà antica, aspetto eventualmente qualche bella foto!
sì, ci vuole tempo, ma ne vale la pena...
ciao!

Alessandra Pioltelli ha detto...

Ciao Andrea, ti ringrazio anche qui per l'importantissimo tutorial e spiegazione che hai fatto, avrei una domanda da neofita. Nel video dici di mantenere la protezione con il sacchetto sul fiore femminile fino al termine del periodo dell'impollinazione, mi potresti dire quanto dura e come posso sapere se è il momento di levare il sacchetto? Forse devo controllare se si sta formando la pannocchia? Grazie ancora. Alessandra