martedì 16 aprile 2013

Natural gardening - La pulmonaria, una stupenda tappezzante da coltivare nel giardino naturale.

Un fiore di pulmonaria (Pulmonaria officinalis) appena sbocciato. Foto Andrea Mangoni.

Un tempo a molte piante veniva associato una determinata predisposizione a curare le malattie basandosi non tanto sule loro effettive proprietà medicinali, ma sulla loro somiglianza con questa o quella parte anatomica. 
così una bella pianta di sottobosco un giorno venne denominata pulmonaria, o polmonaria, per via delle sue foglie verdi chiazzate di chiaro che ricordavano i polmoni.


In effetti, per secoli la pulmonaria (Pulmonaria officinalis) e molte sue congeneri sono state usate nella farmacopea tradizionale come espettoranti, anche a causa della
peluria che ricopre le loro foglie, e per curare tossi e altre malattie dell'apparato respiratorio. 

Ma al genere Pulmonaria sono ascritte numerose specie, alcune presenti anche in Italia, e in qualche caso anch'esse dotate di splendide foglie macchiettate. Tra le specie diffuse nel nostro Paese si annoverano ad esempio oltre alla officinalis anche P. vallarsae, P. saccharata, P. angustifolia e altre ancora.

Le foglie di alcune specie di pulmonaria hanno caratteristiche chiazze chiare. Foto Andrea Mangoni.
In giardino i vari rappresentanti di questo genere trovano impiego soprattutto nei giardini naturali o nei giardini all'ombra. Sono piante resistenti e molto belle, che spiccano  anche nei punti nascosti per il loro fogliame variegato e le loro precoci fioriture primaverili. Pur adattandosi ad ogni tipo di terreno, preferiscono quelli ricchi in materiale organico e leggermente umidi. D'estate, in caso di grande caldo e assenza di precipitazioni, le foglie della pulmonaria tendono ad afflosciarsi; provvedete allora a regolari annaffiature per mantenerle in salute. A volte queste piante in caso di eccesso di aridità possono letteralmente sparire, salvo rispuntare poi al sopraggiungere di più favorevoli condizioni ambientali.

Una pianta di pulmonaria si appresta a fiorire. Foto Andrea Mangoni.
In commercio si possono trovare numerose cultivar e varietà di diverse specie del genere Pulmonaria, come Pulmonaria "Sissinghurst White", dai fiori bianchi e le foglie screziate, Pulmonaria rubra, dai fiori rosso-rosati su foglie verde brillante, o Pulmonaria saccharata "Excalibur", dalle foglie argentee venate di verde. Credo però che le specie nostrane, come Pulmonaria officinalis o   P. vallarsae siano altrettanto belle e certo più adatte ad un giardino naturale alle nostre latitudini.

Le pulmonarie possono essere moltiplicate per seme, anche se quest'ultimo richiede un periodo di stratificazione (esposizione al freddo) per poter germinare; più semplice è del resto la moltiplicazione per via vegetativa, che si attua in autunno staccando e mettendo a dimora i getti laterali nati in primavera ed estate. 

Dopo essere sbocciati, i fiori della pulmonaria spesso virano di colore passando a un delicato blu. Foto Andrea Mangoni.

Nel mio giardino ho trapiantato un giovane esemplare di pulmonaria lo scorso anno in un angolino di terra rivolto a nord e quasi perennemente in ombra; cresce accanto a menta piperita, fragoline di bosco e altre piante non troppo esigenti in fatto di luce. Le accosterò anche Viola odorata, in modo da avere un angolo a fioritura precoce che ravviverà con sferzate di viola, rosa e azzurro il terreno in marzo-aprile. In autunno proverò a dividerne i nuovi germogli, per aumentare la popolazione di queste bellissime tappezzanti nel mio giardino. 
*****

ANNUALI E SPONTANEE - PROGETTARE GIARDINI IN OMBRA
..


2 commenti:

Deanna ha detto...

Grazie, Andrea, per il suggerimento! Sto proprio cercando in questo periodo di recuperare un pezzo di terreno ombroso del mio giardino e questa della pulmonaria mi sembra un'ottima idea. Ne approfitto per farti i complimenti per il blog, sempre molto interessante.

ciao

Deanna

Andrea Mangoni ha detto...

Ciao Deanna e grazie!

magari nelle prossime settimane dedicherò un post al giardino naturale in ombra, in questi anni ho avuto modo di testare più di qualche pianta che vi si adatta a meraviglia. potresti provare la combinazione pulmonaria-fragola-primule-menta, magari con qualche felce. dovrebbe render bene. ciao!