Appunti di Avicoltura: come ottenere il meglio dall'incubatrice Covatutto 16.

Io amo moltissimo l'avicoltura tradizionale, e preferisco, per quanto mi sia dato, utilizzare metodi di allevamento il più possibile vicini all'etologia degli animali in questione. E' per questo che nei miei allevamenti prediligo (qualora si dimostri realizzabile) la cova naturale, sia tramite chioccia che tramite balie alternative (ad esempio, una tacchina che covi uova di gallina). Purtroppo però questo non è sempre realizzabile. A volte una gallina cambia idea, una tacchina è troppo debole per portare avanti una covata o - come recentemente accadutomi - una chioccia muore nel bel mezzo della cova per colpa dei parassiti o della spossatezza. Oppure abbiamo necessità di avere dei pulcini e alleviamo una razza che non ha istinto alla cova. In questi casi, la tecnologia ci viene in aiuto, con tutta una serie di incubatrici più o meno professionali e più o meno economiche.
Visto che i problemi di spazio sono per me abbastanza difficili da superare, e che quindi posso allevare un numero piuttosto limitato di pulcini ogni anno, ho deciso di acquistare una piccola incubatrice manuale della ditta NOVITAL, la Covatutto 16.
Innanzitutto, che vuol dire "manuale"? Semplice: le uova necessitano, per un corretto sviluppo, di essere più volte rigirate durante l'incubazione. In una incubatrice automatica è la macchina stessa a farsene carico, mentre nelle incubatrici manuali dovremo essere noi a svolgere quel compito che in natura sarebbe mamma chioccia a fare.
Bene, dopo diversi tentativi abbastanza infruttuosi con questa macchina, ho seguito i consigli elargiti nel forum di Cocincina da Nando Logorelli di Reggio Calabria, ed ho finalmente ottenuto i risultati sperati. Si tratta di una serie di piccoli accorgimenti che aumenteranno in maniera esponenziale il numero di uova in grado di giungere alla schiusa, con grande soddisfazione vostra e dei pulcini.
L'incubatrice Covatutto 16. Termometro; in rosso il livello cui deve arrivare la temperatura.
Allora, la nostra incubatrice si presenta come la vedete nella foto 1: essa è formata da una base, da una camera di incubazione e da un coperchio dotato di termostato, lampadina e termometro. Innanzitutto, occorre trovare un buon posto dove sistemarla. Il posto in questione dovrà essere abbastanza caldo, almeno sui 18-20°C, per non sovraffaticare l'incubatrice; inoltre dovrà essere lontano dagli... occhi. Sì, perchè la covatutto permette di mantenere una temperatura costante tramite l'accensione di una semplice lampadina ad incandescenza da 40W, ma per farlo il termostato ne regola una continua alternanza di accensione e spegnimento. Assai frustrante e fastidioso, se perennemente in vista, assai meno se si tiene l'incubatrice in una stanza che normalmente non viene visitata troppo spesso, come ad esempio uno sgabuzzino; ci si può pure ingegnare con simpatici paraventi di cartone e altre simili amenità. Comunque sia... Dicevamo, appunto, la temperatura. Fattore importantissimo! Le uova dovrebbero essere sempre mantenute a 37,5°C. A questo scopo, nel termometro dell'incubatrice (2), viene segnalata la tacca dei 100°F, che corrisponderebbero alla temperatura ideale per le uova. Ma, alla prova pratica, poichè pare che la temperatura rilevata dal termometro risulti di poco più bassa di quella che registrano le uova, si è rivelato più opportuno cercare di alzare leggermente la temperatura stessa a 101°F-102°F, come indicato dalla riga rossa che si vede nella fotografia. Come regolare la temperatura? Sul coperchio dell'incubatrice c'è un piccolo foro, vicino al termometro, sul lato, da cui si può (con un cacciavite piccolo) raggiungere una vite azzurra che, ruotata a destra o a sinistra, regolerà la temperatura del termostato. Si procederà, insomma, un pò per tentativi, fino a che non avremo ottenuto la temperatura desiderata.
Il fondo della Covatutto ha due serbatoi per l'acqua. occorre segnare da un lato dell'uovo la data, il numero 1...
Un giorno prima di mettere ad incubare le uova, puliremo e metteremo in funzione l'incubatrice. Innanzitutto solleveremo la camera di incubazione ed andremo a sistemare il fondo (3), riempiendo di acqua il serbatoio centrale (3 A). In seguito, nel corso dell'incubazione, dovremo periodicamente controllare che sia sempre pieno. Il fondo andrà posizionato nel luogo destinato all'incubatrice, magari frapponendo tra esso ed il piano d'appoggio un foglio di polistirolo. Riposizioneremo quindi la camera di incubazione sopra il fondo, metteremo il coperchio sopra di essa (dopo aver messo la lampadina ed il termometro, ovvio!), e per finire attaccheremo la spina. La lampadinà si accenderà e rimarrà così per circa 30-45 minuti, fino a che, cioè, non avrà portato la temperatura della camera di incubazione a quella cui è impostato il termostato. Quindi inizierà a lampeggiare continuamente. A questo punto controllate la temperatura sul termometro e, se necessario, regolatela come detto sopra. Lasciate ora lavorare l'incubatrice "a vuoto" per circa un giorno, prima di inserire le uova.

. .

Già, e le uova? Anche le uova richiedono qualche preparazione. Prima di tutto, la nostra incubatrice può contenere circa 16 uova medie di gallina. Sarebbe però il caso di non riempirla all'inverosimile, questo ci permetterà di operare meglio in seguito. Le uova che dovranno essere incubate devono essere di buona forma, di dimensioni medie per la razza di appartenenza e pulite. In attesa di essere incubate andrebbero tenute a temperature di 10-13°C e in posizione verticale, col polo acuto all'ingiù. Se si incubano insieme uova raccolte in giorni differenti e/o inserite in incubatrice a distanza di qualche giorno tra loro, andrebbe sempre scritta la data di raccolta e/o quella di inizio incubazione, in matita (4). Andremo poi a contrassegnare due lati opposti dell'uovo con i numeri 1 e 2 (foto 4 e 5).
...ed il numero due dall'altro. L'uovo finalmente in incubatrice!
Posizionate le uova nella camera di incubazione (6) con il numero 1 ben visibile e rivolto verso l'alto. Chiudete il coperchio e lasciate il vostro ovetto riposare. Due volte al giorno le uova vanno girate di 180°, in maniera che il numero che si trovava in alto finisca in basso e viceversa. E' stato più volte suggerito di girare le uova più spesso, perché questo aumenterebbe la percentuale di schiusa. Tutto vero, ma dobbiamo considerare la nostra piccola incubatrice, che ci obbliga ad aprire il coperchio ogni qualvolta occorra girare le uova. Questo conduce ad abbassamenti periodici della temperatura alla lunga deleteri per gli embrioni. Così, nel nostro caso, risulterà più produttivo girare le uova solo due volte al giorno, esponendole ad un minor numero di sbalzi di temperatura, piuttosto che girarle più spesso ma raffreddandole di più.

. .

Passato un certo periodo (3-4 giorni per le uova a guscio bianco o molto chiaro, 6 per quelle a guscio bruno) andrà effettuata l'operazione della speratura. In pratica, cioè, con l'aiuto di una fonte di luce andremo a vedere se l'uovo è stato fecondato o meno, e se l'embrione al suo interno sta continuando il proprio sviluppo. In una stanza buia metteremo l'uovo in verticale, col polo ottuso verso l'alto, e lo illumineremo da sopra con una lampadina tascabile potente. L'uovo fecondato si riconoscerà perchè, a questo stadio, vedremo in controluce una sorta di "ragnetto" formato dal corpo del pulcino e dalle vene degli annessi embrionali. Più avanti andrà l'incubazione, più il contenuto dell'uovo fecondato diventerà scuro, lasciando vedere in alto solo una cupoletta chiara posizionata abbastanza rigidamente (la camera d'aria). Le uova non fecondate appariranno uniformemente chiare, o con una massa opaca rotondeggiante, o a forma di anello. Potrete toglierle verso il 7°-8° giorno.
Il pulcino inizia a rompere il guscio... ...e dopo qualche ora sarà pronto per vedere la luce!
Cureremo in questo modo le nostre uova per 17 giorni; poi, al 18° giorno opereremo due cambiamenti. Per prima cosa, aggiungeremo acqua anche nel secondo serbatoio del fondo (3 B); in secondo luogo, smetteremo di girare le uova. Attorno al 19°-20° giorno sperando le uova osserveremo un'aumento nelle dimensioni della camera d'aria, e probabilmente inizieremo a sentire pigolare il pulcino. Tra il 20° ed il 21° giorno, invece, l'uccellino forerà col becco il guscio dell'uovo (7). Non fatevi vincere dalla tentazione di aiutarlo aprendo il guscio: lo uccidereste quasi di certo. Dovrete aspettate: potranno passare anche 20-24 ore prima che l'uccellino si decida a rompere il guscio ed uscire. Solo se dopo 24 ore l'animaletto non sarà ancora emerso dal guscio potrete con delicatezza provare a dargli una mano. La ricompensa? Una nidiata di piccoli fagottini piumosi (8), pronta in un futuro prossimo a scorrazzare in pollaio. I pulcini dovranno rimanere 24 ore in incubatrice, prima di esser lasciati alle cure di una balia o allevati artificialmente, ma potranno esserne allontanati anche prima qualora disturbassero eccessivamente le uova non ancora schiuse, avendo cura di tenerli in una gabbia riparata e con una buona fonte di calore. Una volta terminato di usarla, l'incubatrice andrà lavata e pulita prima di esser riposta in attesa della prossima nidiata. E adesso buon lavoro, ed un in bocca al lupo gigante per tutte le vostre schiuse!


*****
Un pulcino a poche ore di vita, col piumino completamente asciugato.

247 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 247 di 247   Nuovi›   Più recenti»
Anonimo ha detto...

Ciao ieri mi è nato un pulcino (alle 23.30) piu o meno, il mio dubbio è che tiene le "dita" (non so come si chiamino) della zampetta destra un po ricurve verso l interno e ad ora fa fatica a stare dritto mi devo preoccupare?
Grazi
ps se vuoi posto una foto

sonia rimoldi ha detto...

ciao o incubato 6 uova di gallina ma il termostato indica 100 f poi o messo il termometro quello per la febbre e indica 40 gradi cosa sbaglio?

sonia rimoldi ha detto...

stamattina o girato le uova la temperatura e salita a 38 cosa mi consigli di fare prime esperienze

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo: le dita ricurve verso l'interno sono segno o di problemi di temperatura/umidità corrette o di troppa consanguineità. in generale se le dita permettono di camminare, il pulcino potrà crescere senza problemi.
@Sonia: non usare i termometri da umani, se non quelli elettronici auricolari (che possono essere posati sul guscio). Quelli normali per la febbre non sono attendibili per l'incubatrice. incuba le uova e aspetta, girale due volte al giorno e solo se noti malfunzionamenti nella macchina intervieni.

Anonimo ha detto...

Non riesce a stare sulle zampe per ora ho fatto una specie di fasciatura che tiene dritte le dita della zampa, lo lascio per 7-10gg poi provo a vedere.
Almeno cosi cammina e mangia
grazie
PS ho sentito parlare di incubazione a secco con aumento negli ultimi 3gg pensi sia fattibile?

Anonimo ha detto...

Ecco 2 foto
http://i58.tinypic.com/1z2g707.jpg
http://i61.tinypic.com/5xltzs.jpg
Ora cammina bene
ps secondo te che razza è?
grazie

Jekyll ha detto...

Sono passati 9gg dalla fasciatura, l ho rimossa e la zampetta si è ripresa ottimamente non sembra neanche che abbia mai avuto difetti

Andrea Mangoni ha detto...

sono contento che le cose si siano rimesse a posto. non so dirti che razza possa essere, ma la colorazione sembra un barrato, e l'animale ha cinque dita a zampa. io credo sia un ibrido.

Anonimo ha detto...

ciao avrei 2 domande:

prima di incubare devo tenere le uova 24 ore in verticale?

dalle mie nascite molti escono deformi o con il sacco non del tutto riassorbito diciamo un 20/30% gli altri normali, sono tutte uova prese lo stesso giorno e nello stesso posto,potrebbe essere per colpa delle galine magari troppo incrociate?

ps la prossima prova a prenderle da un altra parte

grazie

Anonimo ha detto...

Salve io ho un'incubatrice borotto real 12 automatica... Sono appena uscito da un'incubazione di 10 uova di gallina di cui due hanno schiuso e gli altri 8 no... Di questi 8 uno era senza nulla, uno aveva il pulcino giá formato del tutto dentro che doveva solo bucare l'uovo per uscire e gli altri invece erano tutti formati ma ancora molto piccoli con ancora un pó di tuorlo da consumare... Cosa puó essere successo? Come mai non sono nati? Posso giá avvertire in partenza che i genitori non hanno legami di sangue ossia non sono fratelli, l'umiditá era sempre regolare perché rimboccavo l'acqua senza aprire l'incubatrice dall'esterno ogni giorno, anche due volte al giorno... Cosa puó essere? Se sono stato troppo vago ancora ti prego di provare a farmi delle domande a cui io risponderó perché ora non mi viene niente altro in mente...
Vi ringrazio in anticipo per la vostra cortesia e disponibilitá grazie mille
Alessio

Anonimo ha detto...

@alessio
ciao alessio sei sicuro che la temperatura sia giusta, rebbocare acqua anche 2 volte al giorno mi pare un po troppo, io possiedo una diversa ma rabbocco ogni 2 gg.
secondo me la temperatura è troppo alta e di conseguenza l acqua evapora piu in fretta aumentando il tasso di umidita.
ripeto che è soltanto un mio pensiero perche ho una diverso modello e cmq la mancata schiusa e embrioni morti puo dipendere da molti fattori temperatura troppo alta o bassa, umidita troppo alta o bassa ed altri ancora

Anonimo ha detto...

La temperatura me la segna in uno schermo digitale quindi è giusta... E l'acqua la rabocco cosi frequentemente perchè sennó in un giorno/un giorno e mezzo evapora tutta... È per questo che non mi spiego il motivo della situazione appena svoltasi :/

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo 1): sì, meglio tenere le uova 24 ore in verticale prima di incubare. se nascono non ancora del tutto formati significa probabilmente che hanno speso troppe energie nell'uovo e che poi faticano a schiudere o a completare il proprio sviluppo. cerca di capire cosa non va nei paramentri di settaggio dell'incubatrice.
@Alessio: è una schiusa bassissima. in parte vale quanto detto sopra, ma qui c'è qualcosa di più. ovverosia, se muoiono precocemente mi vien da pensare che non si tratti solo di incubatrice. com'erano le uova? Erano sporche di feci, per caso, e hai pulito il guscio? Anche uova che hanno viaggiato o che hanno aspettato troppi giorni prima di essere incubate possono avere problemi a schiudere. potresti portare i morti allo zooprofilattico e far fare delle analisi per capire se non vi fossero delle batteriosi importanti in corso nell'uovo. proverei anche a usare un igrometro per assicurarmi che l'umidità non sia eccessiva. in bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

Ciao andrea si le uova erano sporche di materiale fecale e le ho pulute con una spugnetta asciutta senza bagnarle... Che danno ho arrecato effettuando la pulizia?

Alessio

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, pulendo le uova in certi casi si possono aiutare i batteri a penetrare nell'uovo e a infettare gli embrioni, che moriranno.

Anonimo ha detto...

Ah ok e nel caso io avrei delle uova sporche da incubare cosa potrei fare? Grazie mille per l'aiuto e la comprensione

Alessio

Marco Scurti ha detto...

Io ho una covatutto 16 in una settimana con le uova dentro non mi ha consumato per niente acqua e possibile? Grazie mille

Andrea Mangoni ha detto...

se tu avessi uova sporche... dovresti cercare di mantenere il più possibile pulito ricovero notturno e nido, per evitare che le galline si sporchino e con esse le uova! eventualmente puliscile solo a secco con un fazzolettino tipo scottex. poi, per pulirle... io sto provando una procedura, vi farò sapere nelle prossime settimane se funziona o no.

Andrea Mangoni ha detto...

Marco: no, non è normale, dovrebbe consumarsi! Forse la stanza è troppo umida.

Anonimo ha detto...

Ok grazie mille :) aspetteremo le tue novità... Per ora sei stato gentilissimo grazie ancora :)

Alessio

Giuliana ha detto...

Ciao, ho letto molte cose utili che hai scritto ma non riesco a trovare nulla che dia una risposta alla mia domanda, quindi voglio scriverti. Ho un uovo che dovrebbe schiudersi fra un paio di giorni (ho seguito tutti gli accorgimenti di temperatura, umidità aumentata ieri..). Fino a ieri mattina si muoveva, anche se poco, e i capillari erano ben evidenti. Oggi però non c'è movimento nell'uovo anche se si vede l'embrione più grande, e le vene sono come "espanse", come contornate da un alone (meno definite). Devo pensare il peggio, vero? Speravo potesse essere che più si fa grande l'embrione meno si riesce a vedere e meno si riesce a percepire il movimento... Grazie per la risposta.

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, negli ultimi giorni di sviluppo di solito la camera d'aria si espande, assumendo una posizione più inclinata, e il pulcino occupa tutto lo spazio disponibile, per cui difficilmente lo si vedrà muovere. in prossimità della schiusa invece potrai vedere con la speratura una protuberanza scura nella camera d'aria, è il becco del pulcino che tenta di uscire.

Anonimo ha detto...

ciao sono nuova, ho in incubatrice uova di germano reale e da una fuoriesce un liquido giallo puzzolente, è da buttare?

giulia ha detto...

Ciao Andrea! Ho comprato la covatutto 16. Nei momenti in cui la lampadina da 60w e' accesa, sfarfalla, ovvero emette micro vibrazioni di luce continue. La lampadina messa in un altro dispositivo pero' non lo fa. E' normale nella incubatrice questo fenomeno visivo?
Grazie!

Anonimo ha detto...

Salve sono nuova di qua, io ho appena comprato la incubatrice mi dovrebbe arrivare lunedi al massimo. volevo provare a vedere se riuscivo a fare nascere qualche pulcino... le mie galline nn covano :( ho letto gia alcuni vostri commenti.

la mia domanda se metto la incubatrice in una camera da letto che non utilizzo calda (abito in mansarda)va bene o è troppo calda se no la posso mettere in garage.
poi volevo chiedere le uove le raccoglie mio padre dal suo pollaio ogni giorno poi le mette dentro a quelle porta uova di cartone e tipo ogni 6 giorni io le vado a prendere e le porto a casa traspondole in macchina ci possono essere dei problemi??? grazie x la risposta dopo ho delle altre domanda :D

stefania chiodi ha detto...

salve sono sempre stefania ho lasciato un commento ma non ho ricevuto nessuna risposta posso chiedere a qualcuno magari che se ne intende bene se mi aggiunge come contatto skype cosi possiamo scriverci o parlare in modo chiaro..... ANDREA MANGONI per favore rispondimi sono nelle tue mani sono disperata e sopratutto alle prime armi

stefania chiodi ha detto...

salve sono sempre stefania ho lasciato un commento ma non ho ricevuto nessuna risposta posso chiedere a qualcuno magari che se ne intende bene se mi aggiunge come contatto skype cosi possiamo scriverci o parlare in modo chiaro..... ANDREA MANGONI per favore rispondimi sono nelle tue mani sono disperata e sopratutto alle prime armi

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo1: elimina subito l'uovo di germano, i batteri sono penetrati all'interno e rischi che esploda nell'incubatrice sporcando tutte le altre uova.
@Giulia: nella vecchia covatutto la lampadina si accendeva e spegneva continuamente, è il modo che ha la macchina di mantenere costante la temperatura. se fa troppo caldo gli intervalli a lampadina spenta aumentano, se fa freddo sono più frequenti.
@anonimo2: quantifica il "troppo calda". l'incubatrice per funzionare in maniera ottimale deve trovarsi in un locale riscaldato tra i 18°C e i 26°C. in teoria no, ma se il percorso è accidentato gli embrioni nelle uova possono certo risentirsi. tieni conto che è sempre meglio mettere tutte le uova a incubare nello stesso momento e poi procedere senza aggiungerne altre.
@Stefania: non ho possibilità di stare sempre al pc e quello che scrivo e pubblico lo faccio rubando tempo a una vita molto intensa. Ora, sono su skype solo psoradicamente e su appuntamento; se proprio hai urgenza scrivimi a info@oryctes.com e ti lascerò il mio numero di cellulare.

Anonimo ha detto...

grazie Andrea l'ho eliminato ed era "molto marcio"

Ali Ersoy ha detto...

VISITATE ANCHE IL SITO : pollaiodelharem.blogspot.it

Anonimo ha detto...

ciao andrea sono Alessio ti avevo cercato a inizio marzo di quest'anno per un'incubata di uova di gallina... mi avevi accennato che stavi sperimentando un nuovo metodo per pulire le uova sporche e poterle incubare... hai qualche novità al riguardo?? oppure se magari hai pubblicato qualcosa al riguardo in qualche altro sito???
ti ringrazio tanto in anticipo e buon proseguimento :)
Alessio

Anonimo ha detto...

ciao, mi chiemo gavino ho letto il tuo blog ed e' davvero molto interessante ed istruttivo, complimenti...vorrei fare una domanda. Premetto che e' la mia prima esperienza con un' incubatrice e (prima di trovare questo blog) ho provato 2 incubate, entrambe non andate a buon fine..l'incubatrice e' una covatutto 16 della novital, e da quello che ho letto la lampadina dovrebbe lampeggiare continuamente....quella che ho io invece si accende e spegne ad intervalli regolari di qualche minuto...e' normale?? inoltre come faccio a capire quando la temperatura e' a 101F?? per ora sono riuscito a portarla di una tacca sopra i 100 come mostrato nella foto ma vorrei avere la sicurezza che la macchina non sia rotta...c'e' un modo per assicurarsene?? anche perche' ho appoggiato un termometro ad altezza uova (di quelli che usano per rilevare la temperatura nei banchi frigo) e segna 32°..

stefania chiodi ha detto...

Ciao sono stefania ho le uova in incubatrice da 19 gg oggi non sento ancora pigolare niente, le ho sperate e 6 sono "pronte" ho il timore visto che sia in estate la temperatura si alza un po arriva anche a 103 a volte ma fino adesso sn state a 102 perfetti e si muovano ecc ecc... speriamo nn sia un grosso problemi da ieri nn le sto piu giraando e ho messo l'acqua pure nella seconda vascetta... quando inizio a sentire pigolare i pulcini??? sono a rischio di morte x il troppo caldo??? aiutooooo.... il mio contatto skype è steefania86@hotmail.it

QUALCUNO MI CONTATTI X FAVOREEEEEEEEEEEEE

è la mia prima esperienza ma c rimarrei malissimo se nn andasse bene :(

Andrea Mangoni ha detto...

mi dispiace risponderti solo ora ma sono stato in ferie nelle scorse settimane. in generale si inizia a sentir pigolare tra i 20 e i 21 giorni. altrettanto facile è che se la temperatura si è alzata un po', il termostato abbia semplicemente staccato il riscaldamento. in generale non dovrebbe essere successo nulla, e spero di cuore che tu abbia avuto una schiusa con magnifici pulcini. in bocca al lupo!

Lorenzo ha detto...

ciao, io ho una covatutto 7 della borotto.
Volevo chiedere se devo tenere gli stessi accorgimenti della covatutto 16, descritti nei vari post della pagina.
P.S. Devo covare delle uova di quaglia

Andrea Mangoni ha detto...

ciao, se hai una covatutto 7 sarà Novital, non borotto (che invece produce le real...). In generale sì, dovresti usare gli stessi accorgimenti di questo post, ma visto che non ho mai avuto questa macchina ti consiglierei di valutare attentamente temperatura e umidità misurandole magari in un'incubata di prova.

Paolo ha detto...

Ciao Andrea, mi serve sapere urgentemente, se posso aiutare la schiusa delle uova manualmente, poi che il pulcino all'interno lo vedo muovere, ma ha superato di 3 giorni la schiusa. Ti prego di rispondermi presto, perche' per paura di intervenire, ho gia' perso un germano, ti chiedo questo perche' ho gia' aiutato la schiusa di un uovo che aveva gia' un buchino, visto che ritardava a completare la schiusa di 2 giorni...

Anonimo ha detto...

Ciao andrea sono andrea,ho una grosso problema,ho ritrovato la mia nuova gallina,che pensavo fosse scappata,nascosta a covare,siccome ero sicurissimo che non fosse stata fecondata le ho sostituito le sue uova con quelle di altre galline fecondate,e fin quì tutto bene,dopo 2 ore circa ne ho rotta una,e ho trovato la brutta sorpresa.....era stata fecondata....io gli ho rimesso sotto le sue uova,ma non sò se ho fatto la cosa giusta....intanto grazie...

Anonimo ha detto...

Cioa io ho sia la chioccia che ha covato 15 uova di fagiani e tutti portato avanti e li ho tenuti 5 gg fuori xké dove o aspettare che si metteva chioccia e li ha fatti tutti e15 ora nell'incubatrice ne ho messo 22 cosa devo fare ho messo l'acqua la temperatura e 105.0 e giusta come indicata sullo scatolo, come funzioba la speratura?

Andrea Mangoni ha detto...

@Paolo: mi spiace rispondere solo ora al tuo messaggio, ma in questi mesi ho avuto grossi problemi personali che mi hanno portato a mancare da queste pagine. in generale si aiutano i pulcini a nascere solo se hanno bucato il guscio da almeno 24 ore. un pulcino può schiudere anche a 22-24 giorni. di norma si procede asportando la calotta del polo ottuso e lasciando il pulcino libero di uscire da solo e di riassorbire del tutto il sacco vitellino. Spero che poi le cose siano andate bene.
@Andrea: in teoria se non sono passate più di poche ore le uova non dovrebbero aver subito danni...
@anonimo: ammetto che non mi è chiaro del tutto il senso del messaggio, ma con l'incubatrice devi seguire le indicazioni date dal costruttore. se è il modello di cui parliamo in questo post, segui le indicazioni del post. per la speratura puoi vedere qui: Appunti di Avicoltura - La speratura delle uova e Avicoltura - Miniguida all'interpretazione della speratura.

caccia e pesca ha detto...

Cosa succede se le uovaprima di essere incubate vengono segnate con un pennarello??

Andrea Mangoni ha detto...

Sarebbe meglio evitarlo, perché i pigmenti di alcuni inchiostri dei pennarelli possono attraversare l'uovo e potenzialmente avvelenare l'embrione.

Anonimo ha detto...

Ciao Andrea, volevo chiederti come mai utilizzando una covatutto 16 automatica alla seconda covata mi sono nati 11 pulcini ma al secondo giorno inizia una moria, al momento dopo 5gg ne sono rimasti vivi solo 5.
Molti si bagnano con l'acqua e muoiono e 1 è nato zoppo. ho aumentato la temperatura standard della covatutto di circa 0,5°C perchè alla prima covata ne sono nati solo 3.
la lampada con cui li tengo caldi è da 60w dentro uno scatolone.
uno degli errori che ho sicuramente commesso è stato che alle prime uova schiuse ho aperto piu volte nel corso della giornata l'incubatrice per togliere quelli nati è ho notato un aumento di umidità all'interno della covatutto.
grazie per l'attenzione.
Maria

Unknown ha detto...

Ciao Andrea complimenti per Le risposte che hai dato. È sempre bello leggere consigli degli esperti .
Ho costruito io stessa un'incubatrice ed è andata bene con i pulcini.
Ora ho messo delle uova di oca, una continua a crescere e si vede il ragnetto con le vene un'altra invece fino a ieri si vedevano le vene oggi no, si vede un agglomerato scuro... È morto vero? Che disastro
Francesca

Andrea Mangoni ha detto...

@Anonimo: Non ne ho idea. Non credo dipenda dalla macchina quanto da condizioni inadeguate di mantenimento e/o da motivi sanitari, come deficienze alimentari dei riproduttori, malattie dei riproduttori, temperatura in allevamento. L'unico parametro che controllerei con un termometro campione è l'effettiva temperatura dentro alla macchina in fase di incubata. Verificherei anche quale temperatura raggiungano i pulcini nello scatolone nel punto più caldo e in quello più freddo. In caso di dubbio porta i cadaveri a far analizzare al più vicino zooprofilattico.
@Unknown: grazie per i complimenti, troppo gentile. di solito purtroppo gli agglomerati scuri durante la speratura non sono buon segno... anche a stadi abbastanza avanzati un intrico di vene, specie nelle zone più chiare vicino alla camera d'aria, si riesce a vederlo...

Unknown ha detto...

Ciao, ho un'incubatrice automatica con 12 uova. Sono al quattordicesimo giorno.Ho notato che un uovo si è deformato e mi sembra non morbido ma nemmeno duro come il guscio delle uova normali. Cosa devo fare? C'è troppa umidità? Può essere che siccome è proprio sotto la vaschetta allora sia più esposto all'evaporazione? Dici che nascerà deforme? Ti ringrazio in anticipo per la gentilezza e la disponibilità.

Irene ha detto...

Ciao, ho un'incubatrice automatica con 12 uova. Sono al quattordicesimo giorno.Ho notato che un uovo si è deformato e mi sembra non morbido ma nemmeno duro come il guscio delle uova normali. Cosa devo fare? C'è troppa umidità? Può essere che siccome è proprio sotto la vaschetta allora sia più esposto all'evaporazione? Dici che nascerà deforme? Ti ringrazio in anticipo per la gentilezza e la disponibilità.

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 247 di 247   Nuovi› Più recenti»