Appunti di Avicoltura - L'Old English Game, il Combattente Inglese Antico

Primo piano di Combattente Inglese Antico tipologia Carlisle. Foto Andrea Mangoni.


Il mondo delle razze combattenti è straordinariamente affascinante e variegato: razze e conformazioni differenti, metodi di selezione e di allevamento molto diversi a volte da quelli usati per le altre razze ne fanno dei soggetti davvero unici, se comparati al panorama delle altre razze avicole. Devo ammettere che anch'io mi sono fatto tentare a volte dal loro allevamento, affascinato dalla maestosa bellezza dei Sumatra o dalla storia marziale degli O-Shamo, ma ho sempre desistito per motivi di spazio e tempo. Una delle razze su cui però avrei fatto propendere la mia scelta sarebbe stata l'Old English game, o Combattente Inglese Antico.
Gallo di Combattente Inglese Antico tipologia Carlisle. Foto Andrea Mangoni.

Alcuni pensano che il Combattente Inglese Antico debba essere considerato la più antica razza autoctona di pollo della Gran Bretagna. In effetti, le guarnigioni romane avevano al seguito dei galli, sia in quanto animali sacri a
Mercurio sia come animali da utilizzare nei combattimenti. Inoltre Cesare al suo arrivo riscontrò come i poli fossero già ben presenti e allevati per scopi non alimentari. A prescindere però dalle origini di questa magnifica razza, l'Old English Game, noto come Pit Game, continuò ad essere selezionato come razza da combattimento per secoli, fino al 1849. In quell'anno infatti vennero proibiti in Gran Bretagna i combattimenti tra galli, e questo comportò una svolta epocale nella storia di questi animali: la razza divenne infatti una razza avicola da esposizione, con un cambiamento di tipologia e di selezione che ne cambiarono anche l'aspetto. In verità, dopo il 1849 si ebbero due diverse tipologie morfologiche di Combattente Inglese Antico: la Carlisle e la Oxford. Delle due, la Oxford è la varietà che più ricorda l'antica forma del Pit Game (vero bankiwoide), con corpo muscoloso ma snello e agile, e in effetti è divenuta meno comune della Carlisle. C'è anche da dire che allo scattare del divieto dei combattimenti dei galli molti dei ceppi puri più belli vennero esportati in altri paesi, come l'America, dove questa attività era invece ancora considerata legale: in questo modo l'antica tipologia di questi animali venne comunque preservata. Ancor oggi è possibile trovarli sia in Inghilterra che in Australia e Stati Uniti. Ne esistono ancora anche delle varietà dotate di ciuffo posteriore e altre invece dotate di barba e favoriti. La cresta era tradizionalmente recisa ed asportata, per motivi sia estetici che funzionali al combattimento; essa si presenta comunque semplice e attualmente gli animali vengono presentati con cresta integra.

Coppia di Combattente Inglese Antico tipologia Carlisle. Foto Andrea Mangoni.

I Combattenti Inglesi Antichi di tipo Carlisle erano invece perfetti uccelli da esposizione: pur mantenendo un corpo molto muscoloso, mostravano un tronco molto allargato, una struttura più massiccia, ali portate più raccolte. Chi la criticava affermava che sembrasse troppo una versione in minatura del Cornish o Combattente Indiano.Visti dall'alto, il corpo assumeva una forma quasi a cuore. La differenziazione ufficiale tra le due tipologie di animali arrivò verso gli anni '30 del secolo scorso, con la scissione dell'Old English Game Club.  Verso il 1927 poi era anche stata ottenuta la versione bantam di questa razza. Come per altre razze combattenti, in sede di giudizio la perfezione della livrea ha importanza inferiore rispetto alla forma, al portamento e alla tipicità.

In Italia esemplari della tipologia Carlisle vennero più volte importati (C. L. Fracanzani, comunicazione personale), e probabilmente contribuirono alla formazione di alcuni ceppi locali dalla struttura fisica particolarmente massiccia - alcuni pensano che siano alla base anche di alcuni odierni ceppi di Mugellese.

Il Combattente Inglese Antico tipologia Carlisle ha testa piccola, corpo robusto, petto e spalle larghi e massicci. Foto Andrea Mangoni.

Il Combattente Inglese Antico è un animale dal carattere abbastanza tranquillo, ottimo razzolatore e pascolatore, che si adatta benissimo all'allevamento libero. I maschi, piuttosto rumorosi, devono essere allevati separatamente, pena cruenti combattimenti che possono sfociare nella morte di uno o più esemplari. L'istinto al combattimento e l'aggressività sono infatti ancora assai sviluppate in questa razza. Gli allevatori inglesi che si dedicano a questi polli in effetti spesso tengono i giovani galli legati con un lungo laccio che non permetta loro di entrare in contatto diretto con altri maschi. L'allevamento in singoli box o recinti potrebbe in questo caso essere una soluzione più indicata. Le femmine sono in genere ottime chiocce e madri. Negli USA allevatori come Harvey Ussery hanno inserito l'Old English Game in piani di selezione per la formazione di ceppi ibridi dalla ottime tendenza alla cova. Possono deporre annualmente fino a 120-150 uova dal guscio chiaro (bianco o bianco crema).
***** 
E' USCITO "IL POLLAIO PER TUTTI", IL NUOVO LIBRO DI ANDREA MANGONI!
*****
ALTRE LETTURE INTERESSANTI

 .  . 
 .  . 

1 commenti:

Zappatore a Tokyo ha detto...

Quant'e' bello!!!